Trapani e la sua Provincia

PRENOTA LA TUA CAMERA:

COME ARRIVARE e DOVE SIAMO

L'Hotel Tirreno è ubicato in località Pizzolungo sulla costa Trapanese, in direzione Erice. Dista circa 3 km dalla città di Trapani e 22 km dall’aeroporto di Birgi. Lo si raggiunge tramite la strada provinciale che collega Trapani a San Vito Lo Capo.

- Possibilità di Servizi Transfer da / per Aeroporto su richiesta

Principali Distanze

  • - Aeroporto Trapani Birgi: 22 Km
  • - Aeroporto Palermo: 75 Km
  • - Stazione Ferroviaria Trapani: 8 Km
  • - Stazione Ferroviaria Palermo: 98 Km
  • - Porto di Trapani: 6 Km
  • - Porto di Palermo: 95 Km
  • - Coordinate GPS
  • - Lat: 38.0592480177134
    - Long: 12.558694117413324

La Provincia di Trapani

" Non sai cosa ti Perdi "

La mitica falce di Cerere: un lembo di terra cullato dal mare. Scena di antiche battaglie, viaggi d' incanto, Trapani è oggi il cuore palpitante di un territorio generoso di tradizioni, storia, natura, archeologia. Mille alternative per dare vita alla tua vacanza.

I Nostri Dintorni

ERICE " il Medioevo e la Scienza " - una cittadella medievale, che ci trasporta in un'atmosfera da sogno con le sue torri, i suoi castelli, le sue strade di acciottolato. Ma anche i suoi profumi ci parlano di antiche ricette, di sapienze immutate: un luogo antico che la scienza ha scelto a sua sede, la città infatti ospita il Centro Ettore Maiorana. Il mito racconta che da lì Enea assistette ai giochi in mare organizzati per celebrare i funerali del padre Anchise. Monte sacro all'amore per gli Elimi, per i Fenici, per i Greci che lo dedicarono ad Afrodite e per i Romani che vi celebrarono Venere Ericina. Erice ancora oggi è racchiusa nel perimetro triangolare, tracciato dalle sue stradine medievali di epoca araba, normanna, spagnola.

SCOPELLO: L'antico borgo marinaro dal greco skopelos sorge sul sito dell'antica Cetaria, così chiamata per l'enorme abbondanza di tonni. Si tratta di uno dei più bei complessi per la pesca del tonno, oggi in disuso, i magazzini, il baglio, gli alloggi dei tonnaroti e i capannoni in cui ancora si conservano le "muciare" le lunghe e capienti barche che già gli arabi usavano per la pesca, la " mattanza ".

SEGESTA - Un tessuto ricco e complesso di civiltà che si sono avvicendate nei secoli lasciando al loro passaggio le meraviglie immortali delle loro espressioni artistiche. Paesaggi incantevoli, resi unici dal fascino di antiche architetture ancora imponenti sotto il cielo, pronte ad offrirci ancora l'emozione del loro mistero e della loro grandezza.

SELINUNTE - Il nome di Selinunte deriva dal greco Sèlinon, termine con cui veniva designato l'appio, sorta di prezzemolo selvatico che, fiorito, emana un intenso profumo, che cresceva abbondante nella zona e che compare anche sulle prime monete coniate dalla città.

PANTELLERIA - la più grande delle isole satellite della Sicilia, con una superficie di 83 kmq è anche la più occidentale: solo 84 km la separano dal continente africano ed è alla stessa latitudine di Tunisi. Il clima caldo è comunque temperato dai quasi onnipresenti venti marini che soffiano fortissimi e che giustificano l'appellativo Qawsarah o Bent el Rion, Figlia del Vento, dato dagli Arabi.

LE ISOLE EGADI - Le tre isole, Favignana, Levanzo e Marettimo, che compongono questo piccolo arcipelago situato a largo di Trapani, seducono per la bellezza delle coste e la trasparenza del mare che le circonda. Abitate fin dall'epoca preistorica (e si suppone che nel paleolitico Levanzo e Favignana fossero ancora unite alla terraferma), sono teatro di un importante avvenimento nell'antichità.

MOZIA - Una piccola isola in mezzo ad una laguna, così piccola da non far supporre di aver avuto parte nella storia della grande isola, la Sicilia. Eppure su San Pantaleo, suo nome odierno, i Fenici diedero vita ad una prosperosa colonia.

SALINE - La strada che da Trapani conduce a Marsala, costeggiando la laguna che accoglie Mozia, è fiancheggiata da saline che offrono una vista bellissima: gli specchi d'acqua suddivisi da sottili strisce di terra formano una scacchiera irregolare e multicolore.

SAN VITO LO CAPO - E' una rinomata località balneare, soprattutto per la sua bellissima Costa che si apre in una baia e spiaggia incantevoli con un'acqua cristallina che si tinge di sfumature dall'azzurro chiarissimo al verde e al blu intenso. San Vito è un paesino tutto bianco sorto intorno alla sua Chiesa Madre nel corso del '700